NEVE E SCOSSE - SCOSSE E NEVE UN DRAMMA

 

Ascolto le persone colpite dal terremoto e i loro raoppresentanti istituzionali. Ascolto parole che sembrano scolpite nella solidità di uomini e donne radicati nella loro terra. Ascolto parole dignitose che pur invocando attenzione e aiuto dimostrano un coraggio degno della migliore tradizione italiana. Quella tradizione che ha reso la nostra civiltà cosi grande. Qualla storia che ci ha reso riconoscibili e credibili agli occhi del mondo. Ascolto parole di speranza calata nella ferrea volontà di riconquistare le loro case, i loro lavori, le loro comunità. Ascolto parole di Fede che s'incarna nella solidarietà quotidiana e nel non dimenticare le Case di preghioera (le nostre chiese).

E pertanto esprimo il mio incalcolabile grazie a tutti coloro che sono stati drammaticamente coinvolti dagli eventi calamitosi per quella testimonianza di grande dignità che ogni giorno ci donano.

Grazie .. grazie ed ancora grazie. E nel grazie mi auguro che il cuore italiano si apra solidarmente per aiutare questi nostri Amici.

 

  • Visite: 29

I SUPER TECNICI

 

Una nuova riflessione sulla professione più bella del mondo il Perito Agrario.

Il testo e leggibile nella pagina Libri - Libri Pubblicati

  • Visite: 21

RICORDO LUCA (NATALINI)

 

Luca uno di noi, che come molti di noi ha creduto nell'impegno per l'affermarmazione dei Periti Agrari.

Un tratto umano, il suo, romagnolo nello spirito radicato in quella conceretezza che ha saputo rendere la sua terra centro della qualità del vivere.

A Luca ho riservato un pensiero personale che è riportao in "Lettere"

Grazie Luca.

  • Visite: 24

IO VOTO SI'

 

 

Non passa giorno che scambi accesi fra questo e quel leader rappresentino un clima infuocato da "guerra" politica.

Non mi addentrerò nelle ragioni del mio SI' convinto al referendum, registro solamente che dal 1989 ad oggi quest'Italia ha vissuto momenti di governabilità rallentata grazie a quel modello democratico e politico vecchio e anchilosato.

Chi dice di votare no, forse dovrebbe recuperare tutto quel lungo cammino riformista che si è consumato in più di venticinque anni di proposte affondate in migliaia di riunioni ufficiali, accordi, e patti a cui hanno partecipato senza peraltro riuscire a cavare un ragno da un buco. E non vale la difesa del merito della proposta riformista perchè troppo riflesso di interessi dei singoli partiti o peggio ancora delle aspettative di qualche esponente politico. 

Il referendum non di questo o quel Leader è dell'Italia e se anche questa volta non cambieremo non potremo certo auspicare che si ripresenti un'altra opportunità in tempi ragionevoli e brevi.

Oggi di fronte a questa proposta dico: "Meglio una riforma perfettibile che il solito sproloquio di impegni riformisti inevasi".

Io voto Sìììì.

  • Visite: 40

VI E' SPERANZA PER L'ITALIA?

 

La domanda affiora ad ogni stagione estiva che volge al tramonto. Dopo il sereno e il sole estivo ci si chiede se il gelo e le nuvole non ci avvolgeranno nelle stagioni successive. I cognomi dei nostri leader scorrono come le litanie funerarie, eppure questo Paese sta ancora in piedi. Con tutta la sua  dignità sta in piedi. Sta in piedi nonostante una politica e dei politici che forse difettano di conoscenza della concretezza e quando la evocano, non si sa il perchè, la fanno sovrastare e fuorviare dalla sterilità dei sondaggi e delle rilevazioni.

Io credo che l'Italia resisterà nonostante la politica, nonostante il Parlamento, nonostante i nosrtri Governi.

Resisterà, perchè siamo un popolo che si è forgiato non nelle regole di uno Stato di Dirirtto, ma nella melma di difficili percorsi che credono comunque nell'Italia.

Sì l'Italia ce la farà, anche dopo le calure d'estate.

  • Visite: 22

CILINDRO e ... dedicato a Rebecca, Giulia, Anna, Marta, Scharon, Silvia, Mari ... Ambra ... Laura e tutti le altre e gli altri

 

Gioventù bruciata, generazione incenerita ... giovani immaturi e impreparati .

Maaaaaaaa, sarà!!! Io vedo e continuo ad osservare altrro. Vedo negli occhii dei ragazzi che il venerdì vivono la voglia di comunità del ballo altro. Una domanda che sempre riaffiora in tutte le generazioni (la domanda di Amore .. Attenzione con la A maiuscola) e che in questa selva non è certo facile incontrare. Vedo una voglia di giocarsi per essere "donne" e "uomini" riconosciuti da tutti. Vedo la voglia di costruirsi un presente solido per avviare  il motore che li porti lontani.

Ed allora anche al Cilidro si incontra la migliore gioventù, che qualche volta alticcia ti chiede ... " ma farete .. faremo qualcosa per il terremoto?"

Ed allora anzichè chiamare i soliti poliziotti delle fragilità giovanile, dovremo chiamare i Renzo Piano della moderna architettura umana.

  • Visite: 21